Scorribanda del venerdì GRANOCCHIO Gran Prato

Published on giugno 3rd, 2021 | by Perri

0

Cronache della ripresa (2): dopo un anno di stop torna eatPrato (4-6 giugno). La novità è il granocchio

Cronache della ripresa (2). Un anno di assenza, dodici mesi senza, ma ora riprendono gli appuntamenti del buon mangiare e del buon bere in giro per l’Italia. Di eatPRATO narrai con il “Viaggiatore goloso” mia  storica rubrica su il Giornale.  Ora, dal 4/6 giugno, torna questa manifestazione che vuole valorizzare i prodotti dell’enogastronomia di Prato e del suo territorio, promossa dal Comune di Prato e organizzata dalla Strada dei Vini di Carmignano e dei Sapori Tipici Pratesi con il Patrocinio della Provincia di Prato. Centro di gravità al Giardino Buonamici (con le cene sotto le stelle di  sabato 5 e domenica 6 giugno, firmate da 12 chef6 pasticcieri6 fornai) e gli eventi sparsi in altri luoghi nella Prato bella e monumentale. Con i cuochi, ecco produttori di vino, maestri pasticceri e fornai. Ah, i forni pratesi. Da qui esce la famosa “Bozza pratese”, pane sciocco, come da tradizione toscana, e leggermente acido, ottimo per accompagnare le ricette saporite della cucina locale. La si può ammirare perfino in Duomo, nel ciclo di affreschi di Filippo Lippi: sulla tavola del banchetto della Danza di Salomè si scorge proprio la bozza. A questa, verrà affiancato, con il lancio in grande stile sabato mattina, il granocchio, preparato con il Gran Prato, grano coltivato nei campi appena fuori porta, e trasformato in farina Gran Prato molita in un antico mulino di Vaiano. Il granocchio  è un cracker con all’interno polvere di mortadella di Prato IGP, Presidio Slow Food, che gli conferisce anche una leggerissima sfumatura di colore rosa. Sapido e gustoso, anche grazie  all’alchermes nell’impasto e alle spezie: coriandolo, chiodi di garofano e un filo di cannella. L’ideale per l’aperitivo e per accompagnare le  degustazioni dei vini di Carmignano.

Anteprima venerdì 4 giugno, ore 18.30, con i dolci del maestro pasticciere Paolo Sacchetti. Presentazione live a numero contingentato dal vivo e in streaming alle ore 18.30 presso la Pasticcieria Nuovo Mondo a due passi dal duomo. Dal giorno dopo si entra nel vivo dell’evento diffuso, presentato e animato in tutti gli appuntamenti da Cristiano Tomei, cuoco geniale dell’Imbuto di Lucca. Show cooking (perdonatemi) alle Manifatture Digitali, nell’antico complesso di Santa Caterina. Degustazioni “in quota” sui tetti, come non succedeva prima. Tre giorni all’insegna di una ritrovata convivialità, parlando anche di pizza, di pasticceria, del buono che c’è, il tutto innaffiato con i vini del territorio, con il Carmignano in testa, una piccola DOCG, 200 ettari di vigneti, ma antica e ricca. Saranno presenti 14 produttori e 90 etichette.  Non solo vino, però ma anche mixology (ri-perdonatemi), star il  Vermouth bianco di Prato e i liquori prodotti in città.

Troverete tutto questo tra le Mura e i Bastioni del Castello dell’Imperatore, tra il coronamento superiore merlato del Cassero e la Terrazza del Palazzo Pretorio. Non solo cibo e vino, ma anche panorama, sulla storia e sull’arte.

Per tutte le notizie e i programmi dell’evento www.eatprato.it 

 

GRANOCCHIO Gran Prato- busta eatPRATO Estate - Degustazioni sui tetti-1 Maestro Pasticciere Luca Mannori a eatPRATO eatPRATO 2021[2]-1 EATPRATO_GUSTOCONTEMPORANEO_simoneridiphoto_01

 

 

 

 

Tags: , , ,


About the Author



Lascia una risposta

Back to Top ↑