Live Blogging image1

Published on giugno 4th, 2020 | by Perri

0

Cronache della ripresa: Albereta/Andana e il senso ritrovato dell’ospitalità

Ogni giorno, dal 18 maggio 2020 (da lunedì al venerdì), racconto su perrisbite.it la ripresa attraverso le nuove storie di ristoranti, bar, alberghi, produttori di cibo e vino che tentano di risalire dall’abisso dove li ha spinti il coronavirus. Soprattutto enogastronomia, l’aspetto che mi sta più a cuore, ma non solo questo. Qui troveranno spazio le storie più diverse. Segnalatevi e verrete raccontati. Oggi il senso ritrovato dell’ospitalità (italiana) nel rinnovato spirito d’accoglienza di Albereta e Andana, le perle dell’hotellerie della famiglia Moretti, con Martino De Rosa nocchiere.

——–

“Lo spazio è il vero lusso che garantiamo ai nostri clienti” sostiene Carmen Moretti. Le due perle dell’hotellerie della famiglia Moretti stanno ricominciando il loro cammino, un pezzo alla volta, puntando sullo spazio: 69 ettari di verde attorno a L’Albereta in Franciacorta, e 500 per l’Andana, Tenuta La Badiola in Maremma. La prima a entrare in azione è stata la Filiale (dal 22, a pieno regime dal 29 maggio), la pizzeria nata dall’incontro tra la fantasia imprenditoriale di Martino De Rosa e la magia degli impasti di Franco Pepe. Qui, grazie alla meraviglia del bosco dov’è immersa l’Albereta, sono stati sistemati sette tavoli distanziati con tende a protezione (vedi foto sopra) dal fascino unico.  E, sulla veranda, è comparsa una golosa pasticceria a vista

Il 29 ha ruggito anche il Leone Felice,  by Fabio Abbatista, cuoco schivo che non piace alla gente che si piace e per questo mi aggrada assai. Aperto il weekend, fino all’apertura dell’Albereta il 19, poi a pieno regime, come la pizzeria. Qualche piatto del Leone, con la sua filosofia adorabile, grande qualità, preparazioni sobrie, sapori solidi e comprensibili: risotto al pomodoro giallo, zafferano e burrata, tacos con zucchine e pistacchi, fiori di zucca fritti con maionese alle olive taggiasche, galletto alla diavola.

L’Andana, a Castiglioncello, entra in servizio il 12 con ristorante by Enrico Bartolini in villa, mentre la (stellata) Trattoria Toscana aprirà il primo di luglio. Con Albereta e Andana via alla vita nelle Spa,. E allo spettacolare Espace Chenot Health Wellness de L’Albereta ci darà a disposizione della clientela anche un laboratorio di analisi in grado di eseguire anche esami sierologici. Il cambiamento è lo spazio, con le ampie terrazze, in giardino o tra i filari delle vigne. Sulla collina Bellavista ecco il Lido La Tesa, una terrazza naturale con vista. Una spiaggia verde, su un poggio privilegiato, dove si incrociano i venti che vengono dall’Iseo con le brezze che scorrono tra i filari delle colline della Franciacorta. Ci sono le amache sospese tra gli alberi e si possono incontrare conigli selvatici e fagiani, poggiando un plaid sull’erba per stendersi, a leggere, a prendere il sole, o per un picnic (di classe), la nuova frontiera di un’accoglienza naturale. 

Per un giudizio sulla ripresa mi affido a Martino De Rosa: “Il fatto confortante, secondo me, è che il mercato è rimasto dov’era, la gente è tornata nei locali dove amava andare volentieri e si comporta bene, accetta i cambiamenti. La domanda c’è, per chi ce l’aveva. Siamo moderatamente fiduciosi, ma bisogna fare ancora meglio, con più attenzione al cliente. Noi siamo favoriti dagli spazi, grazie a questo parco splendido. In definitiva una buona ripartenza, vedremo in seguito la parte alberghiera. Stiamo continuando a lavorare al progetto, dopo aver festeggiato i 25 anni dell’Albereta”. L’offerta si allarga con la parte sostenibile di Terra Moretti, la Vigna Leone, La Tesa, il Parco delle Sculture, l’Uliveto e il Bosco. Una collina per recuperare il legame con la natura, lo spazio, il verde, per respirare, per vivere. Meglio. All’Albereta e all’Andana è più facile. 

image0 albe2 albe1 carmenmartinotrattoria-enrico-bartolini_05

Tags: , , ,


About the Author



Lascia una risposta

Back to Top ↑