Live Blogging lododamatos

Published on maggio 27th, 2020 | by Perri

0

Cronache della ripresa: la sfida dei Damatos, una famiglia capace di rinascere

Ogni giorno, dal 18 maggio 2020 (da lunedì al venerdì), racconto su perrisbite.it la ripresa attraverso le nuove storie di ristoranti, bar, alberghi, produttori di cibo e vino che tentano di risalire dall’abisso dove li ha spinti il coronavirus. Soprattutto enogastronomia, l’aspetto che mi sta più a cuore, ma non solo questo. Qui troveranno spazio le storie più diverse. Segnalatevi e verrete raccontati. Oggi la nuova sfida dei Damatos, tra novità e certezze, ma sempre con gusto, passione e qualità. 

——————

Il Caffè Arti e Mestieri ha chiuso il giorno deciso dall’alto, 11 marzo 2020. Per fortuna i Damatos, Fulvia, Gianni e il rampante Federico erano riusciti a festeggiare, il 7 febbraio, il settimo anno di rinascita dopo il terremoto che li aveva “espulsi” dal Rigoletto, la splendida dimora di Reggiolo dove Gianni aveva raggiunto le due stelle Michelin con la stessa cucina che ha continuato a proporre anche a Reggio nell’Emilia, ma che non è stata più premiata. Mistero. Ma questa è un’altra storia. Racconto di una famiglia capace già di rinascere una volta e la prima botta è stata anche più dura di questa. Eppure rieccoli, il 7 febbraio a far festa, per un altro inizio e un mese dopo a chiudere. I Damatos che vissero due volte

A Pasqua hanno cominciato con il delivery, un menu di pesce nel fine settimana. “La richiesta era giusta, non ci lamentiamo – racconta lo scalpitante Federico -  l’abbiamo mantenuto fino alla scorsa settimana, ora siam work in progress. Vediamo se ci saranno richieste”.

Il secondo inizio dei Damatos è previsto venerdì 29 maggio alla sera, con un aperitivo (seduti), mentre il giorno dopo, 30 maggio, si riparte con il servizio al ristorante, sempre a cena. Da martedì via al nuovo programma post-coronavirus, o comunque di convivenza con questo. Da martedì a sabato cena, a pranzo solo sabato e domenica. Dal venerdì alla domenica, inoltre, grazie al bel giardino, dai Damatos si potrà stare da colazione a dopo cena: colazione in giardino 8/12- “Una colazione/brunch” spiega Federico “ perché ci sarà una parte salata”. Eh già. Segnalo, nel salato, l’erbazzone e la rosetta con la mortadella. Slurp. Poi l’aperitivo prima di cena, ad accompagnare un calice di vino. Tre tipi:  “italiano” (con olive, chips, nocciole ecc), “emiliano” (erbazzone di riso soffiato, parmigiano, gnocco salame ecc), infine “150 km” più lungo, insomma da sostituire la cena, che i Damatos sono troppo intelligenti da evitare di chiamare “apericena”, però lo è, basta leggere il menu: pinzimonio di verdure, vinaigrette agli aceti; cocktail, gamberi; pappa, pomodoro; pane burro e acciughe, peperoni del piquillo; frittino, acciughe, erbe, limone costiera; tartare pesce, salsa vino bianco, finocchio di mare marinato.

A tavola il loro menu, tra grandi classici e novità. Ritroveremo il cubo di bolliti (piatto dell’anno di Scorribande 2014), la grande tagliatella alle tre carni, i cappelletti con spuma di parmigiano, scampi royal al vapore con maionese mille isole (recupero dalla tradizione di Federico), maialino morbido e croccante ketchup di albicocche, lavanda, rosmarino. Infine, tra i dolci, un altro recupero di Federico (“vorrei proposte più solide, meno spume e gelatine” ): la torta delle rose, evergreen mantovano, vivacizzato da uno zabaione ghiacciato alla pesca. Attorno ai piatti, il servizio e il pane della Fulvia, appetitosi e caldi entrambi.

“L’idea è quella di sfruttare il giardino a tutti gli orari del giorno”. E il dehors dei Damatos è uno dei più belli che abbia frequentato e ben si presta allo sfruttamento. Conclusioni affidate al patron. Gianni dixit: “Il momento è questo, andiamo avanti un po’ alla cieca. Il nostro lavoro è la ristorazione ma in questo momento non dipende più solo da noi, dobbiamo guardare il popolo. E il popolo tentenna, soldi non ce ne sono e quando ci sono c’è anche la paura di andare in giro. Quindi ci siamo attrezzati, come tutti, a fare dei cambiamenti. Per me ci stanno, purché siano fatti correttamente”. E, sotto questo aspetto, se ci sono di mezzo i Damatos, non ho dubbi. Non appena mi sdoganano, vado a trovarli.

Caffè Arti e Mestieri 
Via Emilia a San Pietro, 14
42121 Reggio Emilia
Tel. 0522-432202

www.giannidamato.it 

DEHORS CAPPELLETTI CUBOBOLLITI36605982-eda6-4c38-b00e-e26712bc0c44Al Caffè Arti e Mestieri  la cena 7+7 cena a quattro mani di Federico e Gianni D’amatoIMG_45162a2c28c7-cac1-4fe1-9364-8c5e2961e91cPANEFULVIA

Tags: , , ,


About the Author



Lascia una risposta

Back to Top ↑