Libri BALLATA

Published on gennaio 5th, 2012 | by Phil

0

La ballata dell’amore salato

La Ballata dell'amore salato

Genova, 1990. E’ una fredda domenica di fine novembre e Girolamo Moggia aspetta a pranzo il figlio che deve arrivare da Milano, dove ha fatto carriera diventando un importante manager. Girolamo Moggia è un picchettino, uno di quegli operai che scendono nelle caldaie a pulirle quando una nave si ferma nel porto, e delle scelte del figlio non è mai stato tanto convinto. Girolamo Moggia è un uomo pratico, di poche parole, anche ruvido, ma è un uomo senza maschera, che dice e fa quello che pensa.
Per quel pranzo domenicale Girolamo Moggia ha comprato i corzetti, una tipica pasta genovese, e non vede l’ora di cuocerli. Non tanto per la fame, quanto perché deve andare allo stadio. C’è il derby Genoa-Sampdoria, e non ha nessuna intenzione di perderselo. Ma il figlio tarda.
Eppure devono discutere di questioni importanti.
Girolamo Moggia è da poco diventato vedovo di una moglie molto amata, ma adesso tutto il suo amore, nato negli anni della guerra e cresciuto nel tempo, più forte delle differenze sociali, si è trasformato in rancore. Ogni volta che ripensa alla moglie, l’odio e la rabbia lo assalgono come una mareggiata cattiva in certi giorni d’inverno.
Che cosa ha scoperto?
No, non si tratta di un tradimento, anche se, in qualche modo, è come se lo fosse.
E che cosa deve decidere adesso, così urgentemente, con il figlio?
Qualcosa è intervenuto inaspettatamente a scompaginare le sue certezze, e adesso Girolamo Moggia, volente o nolente, si trova a farci i conti, in un andirivieni di ricordi, alcuni ormai aspri, salati, altri, malgrado tutto, ancora dolcissimi.
Senza compiacimenti, con brio e acutezza pungente, Roberto Perrone mette in scena il conflitto tra l’amore e l’orgoglio, in un romanzo di amicizie e di contrasti, di slanci e di tormenti, di sentimenti e risentimenti lungo cinquant’anni. Un romanzo che ha il ritmo suadente di una ballata, che avvolge e trascina, sorprende ed emoziona, e resta in mente come uno di quei motivi che non passano e continuano a risuonare dentro di noi.

Roberto Perrone è nato a Rapallo, ma vive a Milano. Scrive di sport, gastronomia e viaggi per il “Corriere della Sera”. Ha scritto i romanzi Zamora (Garzanti 2003), La lunga (Garzanti 2007, premio Forte Village), Averti trovato ora (Mondadori 2007, Premio Coni per la narrativa) e la biografia di Gigi Buffon Numero 1 (Rizzoli 2008), nonché la fortunata serie per ragazzi Banana Football Club, pubblicata da Fabbri.
In qualità di raffinato buongustaio recensisce ristoranti e ha scritto diversi libri di “ricette per tifosi”, sempre usciti da Fabbri.

«Mi scusi se glielo chiedo, che mestiere fa?»
«Portuale» disse lui vagamente, non perché si vergognasse, ma perché era sicuro che lei non conoscesse il significato del termine “picchettino”. No, non una ragazza come lei.
«Lavora per qualche ditta, in particolare?»
«Garbarino e figlio.»
Lei sorrise e se ne andò.

La ballata dell’amore salato, di Roberto Perrone, ed. Mondadori

Acquista il libro on-line:

 

Tags: , , ,


About the Author



Lascia una risposta

Back to Top ↑