Scorribanda del venerdì manifesto

Published on novembre 9th, 2017 | by Perri

0

San Miniato, ritornano i giorni profumati di tartufo

San Miniato, terra toscana benedetta del tartufo, diventa l’epicentro di una (giusta) celebrazione di questo tubero meraviglioso che quest’anno, come altri prodotti delle nostre campagne, è stato colpito dalla siccità. Però resiste. Ritorna la Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco di San Miniato, tre weekend di degustazioni, cultura, spettacoli e solidarietà in questa bellissima cittadina in provincia di Pisa, da visitare a prescindere, avrebbe detto Totò. L’antico centro storico del borgo, per i prossimi tre weekend diventa un grande laboratorio del gusto a cielo aperto. Viaggiatori golosi come me, amanti della buona tavola in genere e turisti saliranno su questa dolce collina per scoprire le eccellenze enogastronomiche del territorio con la scusa della mostra, giunta, nel 2017, alla 47esima edizione.

Il via  sabato 11 novembre, alle ore 12, con l’apertura degli stand ospitati nelle piazze storiche di San Miniato. La kermesse, organizzata dal Comune di San Miniato e dalla Fondazione San Miniato Promozione, prosegue domenica 12 e nei weekend 18 e 19, 25 e 26 novembre. Testimonial della manifestazione, fortemente voluta dal sindaco di San Miniato Vittorio Gabbanini e dall’assessore Giacomo Gozzini,  è Giancarlo Antognoni, gloria della Fiorentina e della Nazionale.

Per le antiche strade del borgo si potranno incontrare circa 150 espositori con il meglio della terra toscana ma anche d’Italia e d’Europa: i vignaioli di San Miniato, l’olio extra vergine d’oliva, i prelibati salumi, i dolci tipici locali, formaggi ed altri prodotti della filiera corta, grazie alla collaborazione con Slow Food e Campagna Amica. Ma quello che ci interessa veramente si svolge all’Officina del Tartufo, spazio dedicato alla preparazione e degustazione di piatti al tartufo curati da alcuni cuochi in trasferta.

Ogni fine settimana avrà un tema, un filo conduttore. Il primo (11-12 novembre) sarà dedicato alla Via Francigena, una delle più antiche vie di pellegrinaggio d’Europa. San Miniato ospiterà i Comuni che si trovano lungo la strada percorsa dai pellegrini, con i loro produttori di tipicità locali. La seconda settimana (18-19 novembre) il tema centrale sarà l’Europa. Il terzo fine settimana (25-26 novembre) sarà il “week end Slow”. San Miniato ospiterà i Comuni della Rete internazionale delle Città Slow e proporrà iniziative e laboratori sul Mallegato di San Miniato, Presidio Slow Food e protagonista nell’ultima edizione del Salone del Gusto di Torino.  Il Mallegato è un prodotto che farebbe (anzi fa) inorridire i vegvegani. Per questo lo amiamo due volte. E’ un sanguinaccio, senza carne suina (a parte un poco di lardo). La versione classica prevede di insaccare il sangue crudo e di condirlo con lardello suino tagliato in cubetti, sale, noce moscata, cannella, pinoli e uva passa. Alla vista è scuro, quasi nero, con un sapore intenso, difficile, splendido: aromatico per le spezie e dolce per il sangue.

Cliccando qui  avrete tutte le  notizie, il programma e una guida a tutti gli eventi, gastronomici, enologici, tartufeschi e anche alle manifestazioni culturali. Buon tartufo di San Miniato a tutti. (Qui sotto alcune foto e l’elenco dei ristoranti dove trovare piatti con il tartufo)

tartufo repertoriograttata repertoriopiazza duomo repertorioSANMINIATO

TARTUFOATAVOLA

Tags: , , ,


About the Author



Lascia una risposta

Back to Top ↑