Bottiglie Bicchiere Tridente

Published on giugno 30th, 2016 | by Perri

0

Una nuova giovinezza per la grappa trentina

Grappa trentina per cominciare e per terminare un bel momento conviviale da Vittorio a Brusaporto, passato in leggerezza e gusto tra il carpaccio di branzino con gelatina di bouillabaisse, risotto al nero con calamaretti e piselli, white cod con lattughino e vongole. Avvolti, ovviamente, nella calda e premurosa accoglienza della famiglia Cerea. Dunque si è parlato di grappa del Trentino, che rappresenta circa il 10 per cento di quella nazionale, circa 4 milioni di bottiglie (da 70 centilitri). Per la produzione si utilizzano prevalentemente alambicchi discontinui a bagnomaria. Si tratta di un metodo di distillazione oneroso e lento, ma che permette un’estrazione degli aromi delicata e accurata e quindi si mantengono meglio profumi e gusto. Le altre caratteristiche che rendono la grappa trentina particolare sono le vinacce più acide, la qualità dei vitigni e, infine, ma non meno importante l’acqua, fondamentale perché la grappa è al 60 per cento è acqua. E l’acqua in Trentino è fantastica come il vino, se permettete l’azzardo, lo testimonia l’acqua Surgiva Mossa dei Lunelli, una delle migliori etichette italiane. Su queste regole, come quella che vieta di immettere aromi in grappa, vigila dal 1969  l’Istituto Tutela Grappa del Trentino che conta 28 soci dei quali 21 distillatori diretti con la quasi totalità della produzione trentina. Tra l’altro una ricerca ha evidenziato che i distillatori sono sempre più giovani. Tornano in azienda per seguire la strada dei padri. Quattro discendenti dei cinque soci fondatori sono attivi e alcuni siedono nel consiglio direttivo dell’Istituto: Beppe Bertagnolli (presidente), Bruno Pilzer (vicepresidente), Luigi Cappelletti, Mauro Giori, Stefano Marzadro, Carlo Pezzi, Giuliano Pisoni, Alessandro Poli, Carlo Saracini, Rudy Zeni e Arrigo Pisoni (presidente onorario). Compiti dell’Istituto? Servire la grappa ottenuta esclusivamente da vinacce prodotte in Trentino e segnalata da un apposito marchio d’origine “Trentino Grappa” e proteggere i consumatori. Il tridente è il simbolo dell’Istituto. Ma ora è giunto il momento di un assaggio di “Anfora” di Marzadro, la grappa che viene lasciata 10 mesi a maturare in anfore di terracotta. Il modo migliore, al termine di un bel pranzo, per annullare qualsiasi rimpianto. Prosit.

Distillazione14008

 

 

Istituto Tutela Grappa del Trentino

Via del Suffragio, 3  Trento

Tel. 0461 235378

Tags: , , ,


About the Author



Lascia una risposta

Back to Top ↑